venerdì 25 maggio 2018

Gratitudine

Ricorrono in questo mese i due anni dal passaggio dalla morte alla Vita di don Carlo Turrini, che negli anni '70 è stato coadiutore nella parrocchia Santa Maria di Lourdes a Milano, animando i gruppi giovanili.
Questa sera una quarantina di persone che, come me, lo hanno avuto come guida spirituale in quegli anni si sono ritrovati nei locali della parrocchia e nella Grotta adiacente per pregare insieme e rinnovare il proprio impegno a camminare sulle tracce di Cristo seguendo l'esempio di quel presbitero.
Non potendo essere presente di persona, ho inviato questo messaggio.






Carissimi,
come molti di voi, non avevo ancora diciassette anni quando mi giunse a sorpresa dal nuovo coadiutore, un tal don Carlo, la proposta di frequentare il gruppo giovanile parrocchiale – composto da ragazzi e ragazze, esperienza assai rara in quegli anni, non dimentichiamolo! – che stava prendendo forma. Era proprio così che il Charlie, come avremmo presto imparato a chiamarlo, aveva scelto di agire pastoralmente: non aspettare che noi adolescenti e giovani ci accostassimo alle strutture parrocchiali esistenti, ma venirci incontro, scovarci là dove eravamo, sollecitarci, coinvolgerci in un progetto nuovo, che avrebbe preso forma poco alla volta, con la partecipazione di tutti noi.
Sapete tutti che di quel gruppo – assai variegato per origini, sensibilità e anche per grado di partecipazione e coinvolgimento – ho fatto parte dal 1970 al 1972. E sapete anche che è grazie alle esperienze di preghiera in comune e di accostamento alla parola di Dio vissute assieme a voi e grazie a una sollecitazione buttata lì quasi per caso da don Carlo che ho conosciuto Bose nell’estate 1971, dove poi sono entrato alla fine del liceo, nel settembre 1972.
Da allora i miei contatti con don Carlo – che tra l’altro aveva dovuto prodigarsi come “mediatore” per far comprendere ai miei genitori la portata della mia scelta monastica – si sono naturalmente diradati, ma hanno assunto una certa regolarità proprio grazie alla vostra amicizia e alla vostra perseveranza nel cammino tracciato dal Charlie: una fedeltà che non è venuta meno neanche dopo lo spostamento di don Carlo a Santa Maria Hoè. Così gli auguri telefonici in occasione delle grandi festività cristiane si sono accompagnati agli incontri per la condivisione di alcuni momenti di gioia e di dolore conosciuti da noi, membri di quei gruppi di ragazzi e ragazze che nel frattempo siamo divenuti giovani e poi adulti e, alcuni, anche ormai tranquillamente anziani!
Non serve che vi ricordi cosa ha significato in particolare l’esserci ritrovati qui alcuni anni fa per la celebrazione del 50° di ordinazione presbiterale di don Carlo. La risposta entusiasta, la folta partecipazione e il clima che abbiamo vissuto in quell’occasione la dicono lunga sulla gratitudine condivisa per quanto don Carlo ha saputo seminare in mezzo a noi. Per me poi è stato altrettanto e forse ancor più significativo il momento forte dei funerali del Charlie a Santa Maria Hoè: chi di noi c’era ricorda non solo il profondo senso di “eucaristia”, di rendimento di grazie per aver incontrato don Carlo nelle nostre vite (era per quello che eravamo andati là), ma anche lo stupore dei parrocchiani di Santa Maria Hoè e dei presbiteri concelebranti per la così folta partecipazione di persone venute apposta da Milano in un giorno feriale per dire grazie a quello che trent’anni prima era stato formalmente il loro prete solo per pochi anni. Dico “formalmente” perché tutti noi che siamo qui sappiamo bene che il Charlie non ha mai smesso di essere “il nostro prete”!
Una capacità di gettare il seme della Parola – ma anche di irrigarlo, di coltivarlo, di farlo crescere fino a giungere a maturazione – che ha attraversato tutti gli anni in cui don Carlo ha risposto con la fedeltà alla fedeltà fondatrice di Dio che lo ha voluto presbitero e pastore in mezzo alla sua comunità. Un’opera che don Carlo ha condotto fino all’ultimo – compresi gli ultimi anni senza più incarichi parrocchiali e gli ultimi tempi della malattia – con alcune caratteristiche proprie dell’agricoltore paziente: la capacità di aspettare chi tarda, di pazientare con chi si assenta, di “fare segno” a chi non ne vuole troppo sapere, di farsi tramite per chi sembra più lontano...
Carismi che sono sì dono dello Spirito, ma che vanno anche custoditi, alimentati, tradotti in comportamenti quotidiani. E questo credo di poter dire che don Carlo ha saputo farlo con un costante esercizio in alcune dimensioni fondamentali della fede cristiana. Innanzitutto il “pensare” la propria fede e la propria testimonianza cristiana: prendere consapevolezza di cosa significa essere battezzati, camminare alla sequela del Signore, cercare di vivere come Gesù, secondo la volontà del Padre. Poi, conseguenza anche del “pensare”, l’autenticità: l’essere se stessi di fronte a Dio e di fronte agli altri, la pazienza di pensare quello che si dice e il coraggio di dire quello che si pensa, il non agire con secondi fini, il lasciar trasparire quello che davvero brucia nel cuore. E inoltre, a livello più segnatamente cristiano, l’amore per la Parola di Dio, l’assiduità con il Vangelo.
Ordinato presbitero alla fine del pontificato di Pio XII, don Carlo inizierà il suo ministero pastorale nella Chiesa locale presieduta da colui che dopo pochi anni sarà papa Paolo VI, il papa che firmerà tutti i documenti del Concilio voluto da papa Giovanni e ne curerà l’applicazione. Così credo sia stato quasi naturale per il giovane don Carlo respirare a pieni polmoni l’aria fresca entrata nella Chiesa in quella stagione di nuova Pentecoste e, di conseguenza, imparare a prestare attenzione ai piccoli, ai poveri, agli ultimi; riconoscere e manifestare la bellezza e la gioia dello stare insieme nella gratuità dell’incontro come nel lavoro in comune, ma anche, e soprattutto, nel pregare insieme, giovani e anziani, presbiteri e semplici battezzati, uomini e donne nelle situazioni di gioia e di sofferenza.
Don Carlo è stato un uomo, un cristiano, un prete dal coraggio profetico, il coraggio di chi non teme il giudizio degli altri quando è convinto di camminare, pur con fatica e non senza contraddizioni, sul cammino del Vangelo. Un prete che ci ha insegnato non solo a convivere con le diversità e le tensioni – e noi che ricordiamo quegli anni come quelli del nostro affacciarci alla vita della comunità ecclesiale e della società civile sappiamo quante fossero già allora, nella Milano degli anni settanta – ma a fare di esse un tesoro, un dono grande per una maturità umana e cristiana.
Di questi sentimenti ho avuto modo di parlare più volte anche con il cardinal Ravasi che a don Carlo era legato da fraterna amicizia. Una decina di giorni prima che don Carlo morisse, il card. Ravasi era a Bose e lo avevo informato delle cattive condizioni di salute del comune amico: mi promise che lo avrebbe chiamato e così fece, riuscendo a dargli un ultimo saluto, colmo di gratitudine da entrambe le parti.
Ora il ringraziamento più bello e sincero che noi possiamo rendere a Dio per averci dato don Carlo, e che possiamo rendere alla sua memoria è quello di non dimenticare tutte queste cose, è quello di “non disperderci” – come ci ha chiesto lui stesso poco prima di morire – di non disperderci tra noi e di non disperdere il patrimonio di vita piena di senso che abbiamo ricevuto in quegli anni e di cui godiamo ancora oggi.



mercoledì 16 maggio 2018

Con il Nome di Gesù sulle labbra

Tre anni e tre mesi fa, ventuno giovani copti furono trucidati per mano del terrorismo islamico sulle coste libiche per ragioni esplicitamente religiose.
Il video del martirio, ripreso in diretta e diffuso su internet, mostrava questi giovani intenti a pregare invocando il nome del Salvatore Gesù mentre il capo dei boia spiegava le ragioni di quel gesto disumano.
Ieri le loro spoglie sono ritornate in Egitto e sono state collocate in un santuario costruito per l'occasione nel loro villaggio natale, al-'Awr. Finalmente i loro corpi riposano in pace, in mezzo alla loro comunità, e possono essere fonte di benedizione e di grazie per tutti.
Come ha affermato anba Pafnutius, metropolita di Samallut, in occasione dell'accoglienza delle reliquie dei martiri:
"Per la prima volta nella Storia il martirio di cristiani è mandato in onda in diretta in tutto il mondo". 



Riprendo qui il commento al loro martirio scritto in quel tragico frangente dall'amico fraterno Anba Kyrolos, vescovo copto di Milano, nel frattempo passato a sua volta dalla morte alla Vita.


Martiri grandiosi, che cosa vede il mondo in voi? Eroi, che cosa significa quello che si sente dire di voi? Che cos’è questa fede di cui parlano piccoli e grandi, vicini e lontani? Sono immagini meravigliose. Tutti ci chiediamo: come può un agnellino, caduto nelle grinfie di un lupo, comportarsi da leone? È davvero straordinario. Come mai il lupo minaccioso si copre la faccia davanti all’agnello razionale [1]?  Perché è così debole davanti a voi?
Cari agnelli, ieri il lupo vi ha filmato mentre vi sgozzava credendo di spaventare e far paura agli altri agnelli. Oggi, invece, si pente amaramente per le immagini che ha registrato. Quelle immagini e quel video, girati dalla mano del lupo, oggi vengono usati per annunciare al mondo intero la dolcezza della vita vissuta insieme a Cristo. In questo video si vedono agnellini razionali condotti al macello, i quali non hanno aperto bocca se non per pregare (Is 53,7). Erano agnelli razionali che camminavano sulle orme di Cristo mostrando con la loro debolezza ciò che è più grande della forza (cf. 1Cor 1,25). Cari agnelli martiri, da dove avete preso quel coraggio? Quando eravate nelle grinfie del lupo, forse che vi siete ricordati delle storie dei martiri che la Chiesa vostra madre vi ha raccontato sin da quando eravate piccoli? Vi siete forse ricordati delle recite che avete visto sui martiri? È così che vi siete sentiti pieni di forza? Chissà, forse da bambini avete voi stesso partecipato a una recita sui martiri. Eppure, stavolta voi non avete girato un film, non siete degli attori. Sono il mondo e la storia ad aver filmato la potenza della vostra fede, la grandezza della vostra speranza, la perfezione del vostro amore per Dio (cf. 1Cor 13,13). Non avete recitato in un film di orrore che spaventa la gente. Voi siete stati ambasciatori della patria celeste: con i piedi eravate sulla terra ma con il cuore vi libravate già nel cielo dei cieli.
I lupi minacciosi che vi hanno rapiti e sgozzati non conoscevano la verità della vostra fede né la storia dei vostri padri spirituali. Non conoscevano la dolcezza e la saldezza della vostra fede, né ciò che è inciso nei vostri cuori fin dall’infanzia. Non conoscevano lo spirito che vi alimentava nel profondo insegnandovi che la sofferenza del tempo presente non è paragonabile alla gloria futura che dovrà essere rivelata in voi (Rm 8,18). Non sapevano neanche che lo spirito mite e pacifico è prezioso davanti a Dio (1Pt 3,4).  Non sapevano e non credevano che quelle tremende sofferenze che vi infliggevano e le tecniche più moderne di tortura che usavano contro di voi non erano altro per voi che un ponte dorato che vi avrebbe portato alla vita eterna. Voi siete l’orgoglio della Chiesa, vostra madre, la madre dei martiri. Voi siete martiri figli di martiri. Voi siete il nostro vanto.
Santi martiri, ieri eravate come il martire Stefano che fu lapidato non per aver commesso un crimine ma perché era seguace di Cristo che passava beneficando (Atti 10,38). Ieri coloro che vi stavano attorno erano simili a quelli che stavano intorno a Stefano: quelli attendevano la sua morte per lapidazione, questi la vostra morte a fil di coltello. I vostri boia e quelli del martire Stefano non riuscivano a vedere oltre le pietre e le spade. Voi, invece, vedevate il cielo aperto sopra di voi e per voi, e Cristo seduto sul trono della sua gloria (Atti 7,56) che già asciugava ogni lacrima dai vostri occhi (Ap 21,4). La vostra morte e il modo in cui vi hanno uccisi ci fanno male. Tuttavia, sapere come il cielo vi ha accolto spazza via ogni dolore.
Ieri faticavate nel cercare un lavoro con cui portare a casa il pane e dividerlo con le vostre famiglie. Oggi, vi riposate nelle braccia del vostro Creatore il quale si prenderà egli stesso offrirà da mangiare e da bere ai vostri fratelli dalle sue mani. Ieri camminavate con addosso la tenuta dei condannati a morte. Oggi, avete vinto e camminate con Cristo indossando vesti bianche, secondo la sua promessa indefettibile fatta a tutti i vincitori (Ap 3,5).
Ieri, mentre venivate portati al patibolo, vedevate intorno a voi la solita terra e il solito cielo. Oggi, voi vivete in un nuovo cielo e in una nuova terra (Ap 21,1). Dio che scruta le profondità conosceva i vostri cuori. Per questo vi ha trasformati da semplici operai a suoi testimoni. Ieri chiedevate a chi vi stava intorno di pregare per voi e per la vostra ricerca di un lavoro in una terra lontana. Da oggi, invece, avrete un lavoro glorioso: sarete intercessori dei poveri, vivendo nel seno del Padre Onnipotente che si prende cura di coloro che si rifugiano in lui (Sal 2,12).
Ieri mi dicevate: “Padre, ricordami”. Oggi sono io a dirvi: “Santi martiri ricordatevi di me nelle vostre preghiere”. Ieri ci chiedevate di pregare per te. Oggi siamo noi tutti a supplicarvi di ricordarvi di noi davanti a Colui che è assiso sul trono (Ap 21,5).
[1] In arabo nāiq, lett. “dotato di parola, parlante”. È la traduzione dell’aggettivo greco, utilizzato anche in copto, λογικός, che ritroviamo nel Nuovo Testamento, nei Padri e nell’eucologia, e che significa “secondo il Logos, assimilato al Logos, unito al Logos” . Spesso viene tradotto come “razionale” o “spirituale” ma si tratta di una traduzione imperfetta che non rende la ricchezza del termine Logos.  L’Agnello razionale per eccellenza è il Cristo, il Logos che, presa una carne, si è sacrificato sulla Croce per la salvezza dell’uomo. Nell’anafora di san Cirillo, usata nella Chiesa copta ortodossa, si legge: “Attraverso il quale [il Figlio Unigenito, Gesù Cristo] offriamo a te e allo Spirito Santo – Trinità santa, coessenziale e indivisa – questo sacrificio razionale [paishushoushi enlogikon] e questo servizio incruento”. Qui l’autore parla di “agnelli razionali”, di cristiani, quindi, uniti nel sommo sacrificio dell’Agnello, loro buon Pastore (N.d.T.)
anba Kyrollos
vescovo copto ortodosso di Milano
esarca patriarcale per l’Europa
abate del monastero di san Scenute (Lacchiarella, MI)

Per questo post ringrazio il monaco copto che cura il sito:

martedì 15 maggio 2018

Il servizio che non avrà mai fine

Oggi, nella Festa di san Pacomio, monaco e padre di ogni santa koinonia,
viene proclamato il brano del Vangelo (Luca 12,32-40)
in cui viene annunciato che il Signore, quando tornerà nella gloria,
compirà per i suoi quel gesto di servizio che ha compiuto durante tutta la sua vita,
donata per gli amici.
Ecco il gesto che anche noi possiamo compiere ogni giorno,
sapendo che - come l'amore - non avrà mai fine.





Luca 12,32-40

32Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno.
33Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. 34Perché, dov'è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.
35Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; 36siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. 37Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli38E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell'alba, li troverà così, beati loro! 39Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. 40Anche voi tenetevi pronti perché, nell'ora che non immaginate, viene il Figlio dell'uomo".


“Non temere piccolo gregge … Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune … Il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità i salvati … Il padrone al suo ritorno si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli”. In questo intreccio di testi lucani c’è tutta l’avventura evangelica di Pacomio e c’è anche il cammino che la sua intuizione cenobitica ha tracciato per la nostra vicenda comunitaria sotto la guida del Vangelo.
Siamo un piccolo gregge che non deve temere. Non deve temere perché sa che il Signore lo accompagna nonostante e al di là delle sue infedeltà, perché sa che l’unità che solo il Signore edifica è più grande del Divisore e delle divisioni che questi suscita, perché, soprattutto, sa che le energie della risurrezione sono sempre più forti della morte e delle sue contraddizioni. Un piccolo gregge che deve restare piccolo anche se e quando ingrossa le sue fila – anche se non quanto la comunità pacomiana – e che non deve temere nemmeno questa crescita, ma solo il raffreddarsi della carità.
Per questa sfida umanamente impossibile basta stare tutti insieme e avere ogni cosa, ogni realtà, ogni bene in comune, nella solidarietà dei peccatori e nella misericordia dell’Unico che i peccatori li ha sempre amati e li ama come figli perduti e ritrovati. Tutti insieme, con un cuore solo e un’anima sola, quella di Cristo.
È dalla qualità dello stare tutti insieme e del condividere ogni cosa che il Signore – e lui solo – riconosce la comunità cristiana e monastica che è nascosta al cuore di una “banda”di uomini e donne i quali hanno un unico intento e per i quali il Signore ha procurato una casa dove abitare insieme e accogliere gli altri.
A questa comunità il Signore fa il dono grande di aggiungere i “salvati”, cioè coloro che lui ha già salvato con la sua morte e risurrezione, non coloro che pensano di mettersi in salvo entrando in una comunità. Questi “già salvati”, dono di Dio, talora assumono il volto di nuovi fratelli o sorelle, talaltra hanno i tratti familiari o sconosciuti dell’ospite, del pellegrino, dello straniero, molto più spesso, anzi “ogni giorno” il Signore accresce la ricchezza della comunità con il dono del fratello e della sorella che è sempre “nuovo” anche se ci sta accanto da mesi, anni, decenni. E di tutte queste “aggiunte di Dio” la comunità e ciascuno di noi è chiamato a farsi carico, rallegrandosi delle “visite del Verbo” che esse rappresentano.
Un farsi carico che si manifesta molto semplicemente – di quella semplicità evangelica che noi costantemente cerchiamo di complicare – nel servizio quotidiano, nel cingersi la veste da lavoro, nel rimboccarsi le maniche, nel procurarsi il cibo e nel trasformarlo in “regalo”, in dono da re per chi noi consideriamo presenza di Cristo in mezzo a noi.
Sì, perché Cristo è in mezzo a noi ogni giorno come colui che serve e il Vangelo odierno ci ricorda che sarà in mezzo a noi proprio così, come servitore alla tavola della comunità, anche al suo ritorno. Un Signore che Pacomio ha saputo riconoscere perché lo ha contemplato rivestito degli abiti del servitore, sotto le sembianze di semplici cristiani che si erano fatti carico di povere reclute nella sofferenza. Il nostro Signore, il Signore della gloria è il servo che lava i piedi, nell’ultima cena come nell’ultimo giorno.
Allora anche noi sappiamo qual è il nostro criterio di discernimento e il nostro cammino di discepoli che si vogliono vigilanti, sappiamo a cosa dedicarci ora e fino all’ora della nostra morte, come abbiamo professato davanti a Dio, alla chiesa e ai fratelli e alle sorelle: al servizio della carità nel celibato e nella vita comune.

giovedì 3 maggio 2018

Molte culture, un unico fine: la vita


Sul sito del Consiglio Ecumenico delle Chiese è apparso oggi il mio commento al primo capitolo del profeta Giona, nel quadro degli studi biblici pensati come accompagnamento del Pellegrinaggio di Giustizia e Pace che le Chiese di tutto il mondo stanno compiendo, in comunione con gli uomini e le donne di buona volontà.

Riporto qui il testo italiano. 

Giona 1, 1-16

Molte culture, un unico fine: la vita


Introduzione
L’intera vicenda del profeta Giona ci parla di un tortuoso cammino di appello alla conversione e della infinita misericordia di Dio sia nei confronti del profeta riluttante che verso “la grande città nella quale sono più di centoventimila persone … e una grande quantità di animali” (Giona 4,11).
Il primo capitolo ci mostra la responsabilità che ogni credente ha di recarsi là dove il Signore vuole che risuoni la sua parola. Quando questo cammino ci sembra troppo duro e faticoso per noi, sono gli eventi della vita e i nostri compagni di strada – che a volte non condividono nemmeno la nostra stessa fede – a farci ritrovare la solidarietà umana e il retto sentiero.
Alzati! Va’ a Ninive … Giona si mise in cammino per andare a Tarsis”. Non è proprio un pellegrinaggio quello intrapreso da Giona: fugge in direzione opposta alla meta indicatagli dal Signore, fugge pensando alla sua “pace”, cercando di evitare contestazioni e ostilità, rinuncia a portare in quella “grande città” l’appello alla conversione che avrebbe riportato giustizia, mettendo fine alla malvagità degli abitanti. Ma ogni cammino di conversione che intraprendiamo può trasformarsi, per noi e per quanti incontriamo, in pellegrinaggio di giustizia e di pace.

Riflessione
Il Signore chiede al suo profeta – a colui cioè che non deve predire il futuro ma proferire parole a nome di Dio – di andare incontro al nemico di Israele, la grande potenza di Assiria per invitarla a cessare di commettere ingiustizie e di propagare la guerra. Ninive, la capitale del regno di Assur è sulle rive dell’Eufrate, a oriente di Israele; Giona fugge verso Tarsis all’estremità occidentale del Mediterraneo. Ma nel testo biblico la sua non è una semplice fuga, non è un imboccare un cammino opposto a quello indicatogli dal Signore: la ripetizione del verbo ebraico jarad (“scendere”) descrive una discesa progressiva verso gli inferi. Giona “scende” a Giaffa, poi “scende” verso Tarsis, e ancora “scende verso il luogo più riposto della nave”; successivamente, gettao in mare e inghiottito dal grosso pesce, “scenderà” nel profondo degli abissi. Così, inviato a parlare di conversione alla pace e alla giustizia, Giona ammutolisce, si rinchiude in un silenzio tombale, scende verso le oscurità e lì si addormenta, sperando forse di risvegliarsi solo una volta arrivato a Tarsis, lontano dal Signore.
Ma la voce del Signore è potente e trova chi la ascolta: non solo il vento e il mare – come si vedrà nel seguito del racconto, e come accadrà anche con Gesù (cf. Mc 4,41) – ma perfino i marinai pagani. Costoro sono uomini di fedi e culture diverse – “ciascuno di loro invoca il proprio Dio” (Giona 1,5) – accomunati dal trovarsi di fronte a un pericolo che minaccia tutti e dal volerlo fronteggiare senza che nessuno si perda. Chiedono che Giona si unisca a questa preghiera che ha tante divinità come destinatari, ma una sola intenzione: la salvezza di tutti. Rispettosi della legge del mare che chiede di non abbandonare nessuno nel pericolo, quei marinai pagani non si rassegnano nemmeno quando la “sorte cadde su Giona” (Giona 1,7) come responsabile della tempesta. Lo fanno uscire dal silenzio, lo interrogano, cercano di capire, gli chiedono di conoscere la sua diversità di etnia, provenienza, professione. Sono loro, marinai di altre fedi, a strappare a Giona una confessione di fede in “YHWH, Dio del cielo che ha creato il mare e la terra”. Lui, profeta di quel Dio, non lo avrebbe nominato, se ne sarebbe rimasto in silenzio senza la pressante richiesta dei marinai. E paradossalmente saranno proprio i marinai pagani, e non Giona, a “implorare il Signore”, il Dio di Israele: dopo aver tentato invano di salvare con le proprie forze la nave e tutte le persone a bordo, i marinai si rassegnano a gettare in mare Giona, ma prima invocano il Signore perché non imputi loro sangue innocente. E, ottenuta la bonaccia, sono presi dal “timore di YHWH” e giungono a offrirgli sacrifici e voti. Quello che non ha fatto il profeta Giona – pregare il Signore Dio di Israele – lo hanno fatto i marinai; quello che doveva essere il frutto della predicazione del profeta – la conversione al Dio vivo e vero – nasce dalla rettitudine di questi uomini che riconoscono l’azione del Signore negli eventi della storia.
***
L’immagine dei pericoli di un viaggio in mare e della condivisione di speranze e timori da parte di marinai e passeggeri di provenienze, culture e fedi diverse mi richiama alla mente una delle prime esperienze ecumeniche di un allora giovane presbitero ortodosso, che sarebbe diventato un protagonista del movimento ecumenico del XX secolo: Emilianos Timiadis. Giovane cappellano dei marittimi in Belgio agli inizi degli anni9 ‘50, il futuro Metropolita Emilianos si rende conto che i problemi con cui ogni cappellano doveva confrontarsi erano gli stessi, a prescindere dall’appartenza all’una o all’altra confessione cristiana. In particolare, marinai ortodossi, cattolci e protestanti si sarebbero trovati insieme per lunghi periodi di navigazione, senza possibilità di partecipare alla vita liturgica delle rispettive chiese. Era possibile avere per loro una catechesi e una cura pastorale comune almeno durante le loro soste a terra? P. Emilianos prende contatto con i cappellani cattolici dell’associazione Apostolatus maris e a loro si aggiungono ben presto alcuni pastori anglicani e riformati. L’accoglienza e l’abilità culinaria della madre di p. Emilianos fa sì che per parecchi anni ad Antwerpen una quarantina di pastori e preti di diverse chiese si ritrovano due volte al mese attorno a una tavola ricca di piatti mediterranei per condividere speranze e preoccupazioni del loro ministero pastorale.
La sollecitudine di un pastore per le persone affidate alle sue cure e l’audacia di un pungo di uomini di chiesa preoccupati che la furia del mare non si impossessi anche dell’anima e dello spirito di poveri marinai in balia delle onde diventano così profezia di una ritrovata unità dei cristiani: la nave della chiesa può affrontare i marosi nella comune fiducia che il Signore vuole che tutti “abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10).

Interrogativi
  • Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare” (Seneca): come sfruttare anche il vento contrario affinché ci conduca tutti insieme al porto desiderato della pace nella giustizia?
  • Come far sì che le nostre diverse culture, etnie, fedi e appartenenze ecclesiali siano motivo di comune ricerca del bene per tutti?
Azioni
  • Di fronte al fenomeno migratorio, applicare anche sulla terra la legge del mare, che è anche legge della montagna perché legge di umanità: chi è in pericolo di vita va salvato, sempre e comunque.
  • Coinvolgere anche gli animali e il nostro rapporto con loro nel cammino di conversione dei nostri stili di vita (cf. Giona 3,7-9).

domenica 1 aprile 2018

Rifugiati. Andata e ritorno


Non hanno bisogno del nostro aiuto
Perciò non dirmi
Questi volti scavati potrebbero appartenere a me o a te
Se la vita avesse preso un’altra piega
Dobbiamo vederli per chi sono realmente
Opportunisti e scrocconi
Sfaccendati e fannulloni
Ideatori di attentati
Tagliagole e ladri
Non sono
I benvenuti qui
Dobbiamo farli
Tornare da dove sono venuti
Non possono
Condividere il nostro cibo
Condividere le nostre case
Condividere il nostro paese
Invece lasciaci
Costruire un muro per tenerli fuori
Non è bene dire di
Queste persone “sono come noi”
Un posto dovrebbe appartenere solo a quelli che vi sono nati
Non essere così stupido da pensare che
Il mondo può essere visto in altro modo

[Adesso ritorna a leggere tutto dall’ULTIMA alla prima riga]




L'ideale geniale e il poema originale sono di Brian Bilston
@brian_bilston


(trad. di Guido Dotti  @oKolobos)


sabato 17 marzo 2018

Libri e volti della Chiesa

La rivista Vita & Pensiero, nella sua edizione online VP Plus+ ha avviato un dibattito sullo stato della cosiddetta "editoria cattolica", chiedendo ad alcuni editori di intervenire.

Qui riporto i pensieri che ho scritto a nome delle Edizioni Qiqajon.

L’analisi accomuna due settori molto diversi come la narrativa e la saggistica (teologia, storia, spiritualità…), ma in ogni caso tra i dati sociologici andrebbe esplicitato l’invecchiamento del bacino dei lettori “forti” in ambito religioso, dovuto anche alla drastica riduzione del numero dei “cattolici praticanti”, specialmente tra le nuove generazioni, nonché dei presbiteri, religiosi e religiose.
Così quello che era un punto di forza dell’editoria cattolica – il “circuito chiuso” e virtuoso di editori, riviste, librerie e distributori che si alimentavano reciprocamente – è divenuto, a seguito della rarefazione del pubblico di riferimento, un punto di debolezza e un elemento di asfissia.

Inoltre le proposte (o i rimpianti) evocate riguardano autori di un’altra generazione, che potremmo definire i “classici” del pensiero cristiano del ‘900. La ricerca e la valorizzazione di “forze giovani e preparate” non è così agevole: è l’insieme del dibattito ecclesiale che da tempo ha visto spegnersi la vivacità della stagione che ha preceduto e accompagnato il Vaticano II e la sua ricezione.
È infine motivo di profonda amarezza constatare che il rapido declino dell’editoria cattolica verso “l’anno zero” si sia verificato in concomitanza con la stagione del “Progetto culturale” della C.E.I.:
le cospicue risorse a disposizione non hanno favorito la seminagione di un rinnovato pensiero teologico e di una spiritualità capace di ricollocare il Vangelo al cuore dell’annuncio cristiano.

D’altronde l’interrogativo che dovrebbe porsi un editore “cattolico” non è tanto “dove trovo il prossimo bestseller?” quanto piuttosto “che volto di Chiesa offro con il mio catalogo?”.

mercoledì 14 marzo 2018

Il centuplo accanto

Un mio commento al Vangelo di Marco 10, 28-34
che ritrovate anche nella pagina del sito di Bose

Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito»...


Gesù ha appena affermato le esigenze della fedeltà nell’amore, ha indicato i bambini come coloro che sanno accogliere il regno e quindi esservi accolti, ha posto l’abbandono e la condivisione dei beni come condizione per abbandonarsi a lui e condividerne il cammino.
Schietta e spontanea come sempre sgorga dal cuore di Pietro la reazione che sentiamo così nostra: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito!”. Marco, a differenza di Matteo, non aggiunge altro, non c’è qui il “che cosa ne avremo?” cui pare rispondere Gesù. No, qui c’è solo il fiero “noi ci siamo! Abbiamo rotto i ponti con il nostro passato e ti stiamo seguendo, come ci hai chiesto. È vero, non capiamo tutto quello che ci dici, ci lasci sgomenti e impauriti con i tuoi annunci di una passione infamante… Però siamo qui, dietro a te, Signore!”.
E Gesù, come sempre, prende sul serio quella roccia che esce più salda da ogni dubbio che la assale, che si riscopre più ferma dopo ogni contraddizione che la scuote, che rinascerà ancor più fedele perfino dopo lo smarrimento totale del rinnegamento e il pianto dirotto del pentimento.
Gesù risponde a Pietro e a quelli che in ogni tempo si riconoscono nelle sue parole con un’affermazione inaudita: mai nessuno ha osato chiedere di lasciare tutto “per causa sua” prima ancora che per causa del Vangelo! Mai nessuno ha identificato se stesso con il Vangelo, la buona notizia di vita piena ed eterna per l’umanità intera e per tutto il creato. Questa unicità che Gesù rivendica per sé spazza via ogni ragionamento su meriti e ricompense attese – se giudichiamo a partire da quello che alberga nel nostro cuore e nella nostra mente, Pietro vi pensava eccome… – e sposta l’attenzione su un altro aspetto ben più decisivo: Gesù chiede a Pietro e a ciascuno di noi di renderci conto che già ora, in questo momento in cui tante domande ci assalgono sul futuro di passione o di gloria, già qui e ora noi stiamo beneficiando della promessa del Signore.
Abbandonare tutto sembra azione del passato, ma il suo legame con la sequela di Gesù lo rende compito quotidiano, cammino incessante. Ebbene in questo cammino intrapreso – non una volta per tutte, ma tutti i giorni di nuovo – noi riceviamo già, “in questo tempo” il centuplo in “case” (spazi vitali in cui habitare in unum, non proprietà immobiliari), “campi” (terreni fecondi di cui nutrirci, non latifondi di sfruttamento) e “fratelli, sorelle madri e figli” (non di sangue, ma per beneplacito di Dio). Tutto questo lo abbiamo, se solo sappiamo guardare la realtà con gli occhi di Dio, se solo facciamo del nostro abbandonare tutto un cammino e non un rimpianto, se solo agiamo per causa di Gesù e del suo Vangelo.
Dopo queste parole i discepoli osservano “sgomenti” Gesù che cammina davanti a loro e lo seguono “impauriti”. Da dove nascono sgomento e paura se il terzo annuncio della passione, morte e resurrezione avviene dopo e non prima di queste parole di Gesù sulla sequela? Forse, di quella promessa realizzata del centuplo attorno a loro, i discepoli avevano accolto solo quell’inciso che evocava “persecuzioni” come parte del dono, forse erano incapaci di scorgere il fratello nella persona accanto, forse non scorgevano davanti a sé né case né campi ma solo una croce.
Forse non avevano, non abbiamo ancora lasciato tutto e cominciato a seguire Gesù.

martedì 13 febbraio 2018

Pensare globalmente e agire localmente

In questa video intervista, realizzata dal servizio di comunicazione del Consiglio Ecumenico delle Chiese, esplicito una convinzione non solo mia e per nulla originale: se si vuole camminare verso la giustizia e la pace per tutti, dobbiamo pensare globalmente e agire localmente. Non è uno slogan, ma un difficile percorso di discernimento che parte dalle persone concrete e arriva a loro.






sabato 10 febbraio 2018

Se necessario, predicate anche con le parole

Oggi, nel corso delle giornate del Pellegrinaggio di Giustizia e Pace del Consiglio Ecumenico delle Chiese in corso di svolgimento a Bogotà (Colombia), ho tenuto una meditazione biblica sul brano di 2 Corinti 8,1-9.
Vi sottolineo come i più poveri siano spesso i più generosi; evidenzio il rischio di una guerra tra poveri fomentata da chi invece di combattere la povertà cancella la presenza stessa dei poveri; ricordo la dimensione rilevativa della povertà crisdtiana: noi annunciamo Cristo che da ricco che era si è fatto povero per salvare l'umanità
La conclusione è lasciata alle parole rivolte da Francesco d'Assisi ai suoi seguaci, inviati poveri tra i poveri: "Andate e predicate il Vangelo. Se necessario, anche con le parole".





Meetings of the Reference Group and Theological Study Group

for the Pilgrimage of Justice and Peace

6 to 13 February 2018, Bogotá, Colombia

Conflict-Peace-Diakonia-Sustainable Development


Morning Prayer 9 February 2018
Scripture reading 2 Corinthians 8:1-9

We want you to know, brothers and sisters, about the grace of God that has been granted to the churches of Macedonia; for during a severe ordeal of affliction, their abundant joy and their extreme poverty have overflowed in a wealth of generosity on their part. For, as I can testify, they voluntarily gave according to their means, and even beyond their means, begging us earnestly for the privilege of sharing in this ministry to the saints—and this, not merely as we expected; they gave themselves first to the Lord and, by the will of God, to us, so that we might urge Titus that, as he had already made a beginning, so he should also complete this generous undertaking among you. Now as you excel in everything—in faith, in speech, in knowledge, in utmost eagerness, and in our love for you—so we want you to excel also in this generous undertaking.

I do not say this as a command, but I am testing the genuineness of your love against the earnestness of others. For you know the generous act of our Lord Jesus Christ, that though he was rich, yet for your sakes he became poor, so that by his poverty you might become rich.

Reflection/Bible Study (br Guido Dotti)

Paul is fundraising for the community in Jerusalem and realize a truth that so many times we too could realize, if only we were able to look at what is happening around us: the fact that poor are more generous than others! It is the same truth we heard yesterday from Berit’s report in the word of a campesina: “the poorest people are the most generous”.
The Christian community in Macedonia suffered a lot, “a severe ordeal of affliction”, but they transformed these sufferings in joy through the generosity towards their sisters and brothers in Jerusalem. Like the widow in the Temple, they did not give “some money”, but “out of their poverty gave everything they had, all they had to live on” (cfr. Mk 12,41-44).
How many times, all around the world and at any moment of the history, the solidarity among poor allowed them to fight against suffering and distress and to create communion. This attitude, deeply human, becomes – thanks to the grace of God – a sign of the disciples of Christ. Macedonians discovered that in Christ they were one body with their brothers and sisters in Jerusalem. So they were able to offer “beyond their means”, to “gave themselves first to the Lord and, by the will of God, to us”. We are called to give our whole lives to our brothers and sisters in humanity, like Jesus gave is life for his friends.

Let us be silent for a while and remember the poor we met in our lives and the lessons of generosity and love they gave us. Let us thanks God for their witness and pray for them and with them.


But in our days we discover also poor fearing other poor, and – because of that fear – fighting against them in a horrible war among poor.
I’m thinking to what is tragically happening in Italy and in Europe with migrants.
So self-called Christian countries are refusing to listen to the Gospel that still says to us: I was a stranger and you welcomed me” (Mt 25-35).
When the “other”, the stranger is shown and seen not as a human being, I feel not responsible for him/her, I can avoid to take care of him/her.
When we accept the language of politicians and media too often speaking about migrations and rarely about migrants, when we use numbers, statistics and avoid to call a human being with his/her name… then we are ready to fight and kill them, no matter if using weapons, hunger or indifference.
This dangerous fear, this attitude to feed war among poor must be an alert also for all our humanitarian work.
Paul fundraising for the community in Jerusalem and the response he received from the poor and suffering community in Macedonia, show us that, instead of planning aid “in poor’s name”, it would better to put poor in touch, support their efforts and help their natural conscience to be part of a unique body: humanity.


Let us be silent for a while and remember men, women and children died in the Mediterranean Sea, in Lybian prisons, in the desert, under the bomb in Syria, Iraq, Afghanistan… Let us thanks God for people of good will that try to face this tragedy and let us pray God to convert our hearts.


A third reflection comes from St Paul’s last words in this passage: “you know the generous act of our Lord Jesus Christ, that though he was rich, yet for your sake he became poor”. In these bad times our rich societies prefer hidden the poor, push them far from the touristic sites, ignore their presence and close the eyes in front of their needs. So, instead of fighting poverty and its causes, we deny the presence of the poor among us and, if it becomes evident, we fight the poor!.
But, according to St Paul’s words to Corinthians, poverty is not only nor primarily an ethical issue. It is a kerygmatic one. It concerns who Christ is, not what we have to do.
Chosen poverty, living and fighting among the poor is not a commandment, it is the simple and more trustable way to show the right image of Christ.
In all our ethical behaviours it is not a question to be obedient to one or more commandments.
It is a question of which Christ are we preaching, what kind of Good News are we proclaiming.
We can’t speak about love and mercy, without living them day by day, where the will of God put us, with the gifts the Holy Spirit granted us.
We can’t preach solidarity with the poor without sharing their condition. Doing that and following Jesus path, we shall discover true richness for us and for all surrounding us.
Do not forget St Francis words sending his disciples poor among the poor: “Go and preach the Gospel. If necessary, even with words!”.


Let us be silent for a while and remember all those that nobody remembers. All the marginalized, all the human beings that we refuse to see. And let us pray for them and for Christians that choose to became poor to enrich others, as Christ did for the sake of humanity.