Leggere per vivere

La mia foto

@oKolobos
Sono nato nel 1953 in una città del nordovest con più di 1.000.000 di abitanti.
Dal 1972 vivo in un paese di campagna, sempre del nordovest, con meno di 500 abitanti.
Celibe ma non single.
Lavoro nel campo editoriale e in quello delle relazioni umane.
Non possiedo la televisione e non guardo quella degli altri.
Mi piace fare quello che ho imparato in 1a elementare:
leggere, scrivere e far di conto.

domenica 16 novembre 2008

Gli usi possibili del web...

… come tutti sanno, sono infiniti e non dovremmo più sorprenderci di nulla. Eppure c’è chi con un normalissimo blog o con un sito molto semplice riesce a condividere in modo efficace idee e sviluppare potenzialità che non ci saremmo aspettati.
Segnalo due esempi, molto diversi tra loro, di quello che intendo dire.
Il primo è un blog (in inglese: lo trovate qui) che ricostruisce passo passo la vicenda di un soldato britannico sul fronte italiano durante la prima guerra mondiale: ogni giorno, esattamente 90 anni dopo, il curatore inserisce le lettere di un suo antenato giunte dal fronte a familiari e amici. Un modo di vedere la guerra con gli occhi di chi l’ha combattuta, dalla trincea, potremmo dire.
Il secondo è la sezione di un sito ideata e gestita da un pensionato (a riprova che sul web non ci sono solo giovani smanettoni) il quale, dopo essersi abbonato a diversi quotidiani online (italiani e francesi), ogni giorno crea una “rassegna stampa” di tutti gli articoli riguardanti la presenza dei cristiani nella società: il titolo, la citazione di poche righe, a volte una “ndr” di commento tra parentesi e da lì ciascuno può aprire un file pdf (e/o scaricarselo) con l’intero testo dell’articolo. Geniale, no? Una sorta di “primapagina” tematica, che lascia parlare i singoli autori, semplicemente giustapponendoli.
Ecco, sono anche aspetti così trasversali del web che mi piacerebbe segnalare da queste pagine.

Posta un commento